Una serata dedicata all’ossidiana e al museo sardo che la valorizza

img14

“L’ossidiana: l’alfabeto silenzioso della Pietra Nera”: è questo il titolo della serata promossa venerdì 1 marzo alle 20,30 in Sala Civica Corte delle Filande a Montecchio Maggiore dal Museo di Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato”.

Relatrice sarà la dott.ssa Giulia Balzano del “Museo dell’ossidiana” di Pau, in provincia di Oristano, la quale parlerà delle caratteristiche e dell’utilizzo di questo vetro vulcanico, conosciuto dall’uomo fin dall’antichità.

Unico nel suo genere in Europa, e con una sola altra esperienza assimilabile al mondo, costituita dall’Obsidian Museum of Archeology di Nagawa, sulle Alpi Giapponesi, il “Museo dell’ossidiana” è stato inaugurato nel 2010 nel piccolo Comune di Pau, poco meno di 300 abitanti tenacemente radicati al territorio boscoso del Monte Arci. Diretto dal Prof. Carlo Lugliè, docente di Preistoria e protostoria dell’Università degli Studi di Cagliari, il museo valorizza l’ossidiana quale rara risorsa geologica e quale bene culturale dalle straordinarie implicazioni: impiegato quale materia prima dalle comunità neolitiche del Mediterraneo per la realizzazione di strumenti funzionali allo svolgimento delle principali attività quotidiane, in virtù della sua elevata lavorabilità e delle sue eccezionali capacità di taglio, il nero vetro vulcanico è memoria di antichi gesti perduti, di raffinate consapevolezze tecniche e di una rete estesa e articolata di scambi tra comunità separate dal mare ma in profonda e reciproca relazione.

Giulia Balzano

Laureata presso l’Università degli Studi di Urbino, archeologa e collaboratrice della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Cagliari e Oristano per oltre 10 anni, ha dedicato il prosieguo delle proprie attività formative (presso le Università di Padova e Bergamo) e professionali all’ambito della divulgazione scientifica e delle pratiche educative, con particolare riferimento alla didattica e alla comunicazione museale. Dal 2011, in qualità di sua presidente, contribuisce alla progettazione e alla realizzazione delle attività culturali dell’Associazione Menabò, attuale ente gestore del Museo dell’ossidiana di Pau,  struttura di cui nello specifico cura la programmazione dei Servizi Educativi e la promozione culturale. Facilitatrice dal 2014 di comunità di ricerca filosofica secondo la pratica educativa P4C – Philosophy for children, ha fatto della riflessione e della ricerca in ambito educativo la ragione profonda del proprio impegno professionale e umano.

L’ingresso è libero.

Info: Museo di Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato” – Montecchio Maggiore; www.museozannato.it; tel. 0444/ 492565.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...