Medio Chiampo: tra i primi gestori ad installare contatori intelligenti

20200211_132229

Di contatori dell’acqua intelligenti se ne parla da un po’ ma è solo dal 2019 che sono iniziate da parte degli enti gestori le prime installazioni, grazie a un’ottimizzazione della tecnologia che ha reso sempre più sostenibile il progetto.

E tra i “pionieri” che stano portando l’innovazione e i processi IoT all’interno della gestione del servizio idrico c’è anche Medio Chiampo. Si è infatti concluso proprio in questi giorni il progetto pilota che ha portato all’installazione di una ventina di contatori intelligenti, individuati tra le principali utenze idriche dei tre comuni serviti.

Ma cosa sono questi contatori intelligenti? E prima ancora, a cosa ci riferiamo quando parliamo di IoT?

IoT sta per Internet of Things, espressione con la quale si intende il percorso di digitalizzazione degli oggetti della vita quotidiana. Più semplicemente l’IoT si basa sull’idea che attraverso la rete internet e lo sviluppo tecnologico sia possibile rendere gli oggetti intelligenti, in grado cioè di scambiare le informazioni possedute, raccolte ed eventualmente elaborate.

Nel caso specifico dei contatori dell’acqua, essere intelligenti o “smart” significa poter raccogliere da remoto una serie di dati e preziose informazioni per una sempre miglior qualità del servizio e gestione della rete. E non è un caso che proprio l’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) stia incentivando la scelta di questa soluzione per le utenze idriche.

I vantaggi che derivano dai nuovi contatori sono svariati e riguardano sia l’ente gestore sia l’utente finale.

Permettono di analizzare giornalmente i dati di consumo e le curve di prelievo, per poter effettuare bilanci della rete. Il monitoraggio accurato dà anche agli utenti la possibilità di essere meglio informati sulla quantità d’acqua utilizzata, così da valutare quando possibile anche una riduzione dei consumi stessi. Inoltre, grazie alla raccolta dati in tempo reale da remoto, non è più necessario che gli incaricati accedano alle proprietà per leggere i contatori.

Consentono al gestore di rilevare in tempo reale guasti e perdite, di fare diagnosi tempestive relativamente a possibili situazioni anomale, come eventuali perdite presso l’utenza o manomissioni. Infine, avere un quadro preciso dei prelievi idrici aiuta nel pianificare l’ottimizzazione delle infrastrutture esistenti e nella valutazione delle priorità di intervento.

Da un punto di vista tecnico la vita della batteria è pari a quella della durata metrologica del contatore (10 anni), con la garanzia quindi di un funzionamento continuo e di una costante comunicazione dei dati. A tal proposito dobbiamo considerare che il sistema di trasmissione dati utilizza l’infrastruttura della rete cellulare nazionale (NB-IoT), fatto questo che consente un significativo contenimento dei costi in quanto non richiede investimenti per soluzioni di comunicazione private.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...