Una serata dedicata a Giuseppe Cederle

Cederle

Venerdì 15 febbraio alle 20,30 il Palazzetto dello Sport ospita una serata dedicata a Giuseppe Cederle, il militare nato a Montebello Vicentino che fu il primo decorato di medaglia d’oro al valor militare del nuovo ricostruito esercito italiano all’indomani dell’8 settembre 1943.

Morì infatti l’8 dicembre di quello stesso anno a Mignano Monte Lungo, nei pressi di Caserta, mentre alla guida di un reparto del 67° Reggimento fanteria “Legnano” conduceva un assalto contro i tedeschi.

Così recita la motivazione che accompagna la medaglia d’oro al valor militare:

«Benché appartenente a reparto non impegnabile, otteneva di essere inquadrato in prima linea al comando di un plotone che conduceva all’assalto contro i tedeschi sistemati in caverne in terreno difficilissimo, sotto micidiale tiro di mitragliatrici e bombe a mano. Con un braccio fracassato, incitava i suoi uomini a contenere il contrattacco nemico gridando: “Ho dato un braccio alla Patria, non importa, avanti per l’onore d’Italia”. Colpito a morte trovava ancora la forza di trarre di sotto la giubba una bandiera tricolore che scagliava in un supremo gesto di sfida contro il nemico additandola ai suoi soldati perché la portassero avanti».

La serata del 15 febbraio, denominata “Giuseppe Cederle, una vita per la Patria”, alla presenza di alcuni familiari del tenente prevede la partecipazione dei bambini della scuola primaria (che è intitolata proprio a Cederle), de “I Teatranti del Castello” e della Banda Musicale di Gambellara, oltre che un intervento storico di Maria Elena Dalla Gassa.

Tutta la cittadinanza è invitata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...